Chi chiede scusa alla nostra generazione?

30 anni, 100 sogni, più della metà infranti da una società che stronca con la sua durezza. Siamo una generazione che vive con la crisi, ci hanno detto che sarebbe finita presto, ancora stiamo aspettando.
C’è chi non ce l’ha fatta, una valigia in mano e tanti saluti, Svizzera, Australia, Svezia, un mondo del lavoro vero, non sulla carta, opportunità da cogliere.

Tutto ha un prezzo. La famiglia la vedi due volte l’anno se va bene, Skype diventa il tuo migliore amico, vivi su WhatsApp, sei perennemente connesso per cercare di sentire vicina una persona lontana migliaia di chilometri.
Non hai avuto scelta, la tua dignità meritava rispetto, hai guardato per anni i “tuoi” politici farsi tronfi con promesse di cambiamento, per un attimo ci hai anche creduto, hai aspettato, hai bussato alle porte, ti sei dato la colpa inutilmente, cosa stavi sbagliando?

1 sogno, ne hai avuto sempre uno, forte, hai lottato al massimo per realizzarlo. Disposto a tutto ma non a vendere la tua anima o a dare altre parti anatomiche al diavolo. Eppure ti hanno detto che così, forse, avresti raggiunto il tuo obiettivo, un piccolo sacrificio per un grande traguardo. Hai riso amaramente, tu che credevi che il sacrificio fosse alzarsi ogni mattina presto per selezionare offerte di lavoro e mandare curricula.

Sei nato in una famiglia umile che ha provato a darti tutto: educazione, buoni studi, un trampolino di lancio perfetto, il mondo del lavoro è ora un tuo affare, devi combattere, sgomitare. Non ti puoi rimproverare nulla, hai titoli ma ti chiedono subito esperienza, hai esperienza ma vogliono un giovane da “non pagare” in stage. Adesso cerchi un lavoro, uno qualsiasi, punto, il bambino che hai a casa deve pur mangiare.

Hai un bel rapporto con la tua famiglia, un’armonia meravigliosa, una ragazza stupenda, che bella la vita! Un percorso universitario brillante, un talento cristallino, ti laurei e comincia l’angoscia. Puoi lavorare solo fuori, chilometri di distanza per esaltare il tuo talento, contagocce per famiglia e fidanzata, che fai? Perché sei costretto a scegliere?

La crisi sta passando e tu hai ancora fiducia nella tua terra, ti dicono che è tutto ok, loro che con faccia tosta si sono mangiati tutto il pezzo migliore lasciandoti solo l’osso.
Si sono abbuffatti, pensando al presente, calpestando il futuro, si sono goduti la polpa migliore con egoismo eccellente, navigano nel mare calmo delle pensioni d’oro mentre tu lavorerai (forse) in un posto che non ti piace (nella maggior parte dei casi) fino all’ultimo giorno della tua vita.

Hanno ammazzato i nostri sogni, ci hanno umiliato e proveranno a farlo anche con gli altri che verranno dopo. Ora fanno i finti pentiti, mettono una mano al cuore che non hanno e parlano di noi senza averne il diritto.

Chi chiede scusa alla nostra generazione?

 

Annunci

Donna, accetta le scuse di un Uomo

Essere Uomini piuttosto che maschi, una scelta di vita. No, niente di difficile, semplicemente si chiama rispetto. Siamo alla pari, sempre, a volte su un gradino più in basso, per elevare la grandezza di una Donna.
Mi sono occupato spesso di molestie, ho raccontato le storie di ragazze messe a dura prova nella vita di tutti i giorni, no, qui non c’è proprio da scherzare, qui si comprimono due valori fondamentali per la vita: la libertà e la dignità.

I veri uomini amano le donne, i veri uomini dovrebbero semplicemente chiedere scusa, a nome della categoria, in ogni caso, visto che il maschio, sottospecie sempre più numerosa, non lo farà mai.

Ti chiedo scusa Donna, una giornata di lavoro, nell’autobus ti toccano, ti palpano, con quel ghigno beffardo. Vorresti reagire, hai paura, hai perso la speranza.

Ti chiedo scusa Donna, vorresti solo prendere un gelato, esci di sera, i fischi e gli sguardi morbosi, uno “stupro mentale” continuo, hanno minato la tua libertà.

Ti chiedo scusa Donna, volevi solo correre al parco per mantenerti in forma, quei due maschi ti hanno preso e ti hanno portato con loro.

Ti chiedo scusa Donna per tutte quelle volte che un maschio ti ha umiliato, offeso, toccato e tutti i maschi attorno non hanno mosso un dito in tua difesa.

Ti chiedo scusa Donna per tutti quel maschi che ti perseguitano online, richieste strane, foto degli attributi, manie perverse, non hanno un cuore dunque pensano non l’abbia nemmeno tu.

Ti chiedo scusa Donna, da due mesi sei chiusa in casa e temi per la tua incolumità. Hai lasciato quel maschio violento ma lui ti vede come il suo oggetto, non vuole rassegnarsi.

Ti chiedo scusa Donna, hai coronato il tuo sogno d’amore, un figlio dopo tanti tentativi. Un maschio ti ha licenziato, in tronco, dovevi scegliere tra lavoro e famiglia.

Ti chiedo scusa Donna, un bel sorriso, la voglia di incidere in una società così brutta, è finito tutto con uno sparo, quel maschio era geloso della tua fulminante bellezza.

Ti chiedo scusa Donna, se un maschio vuole sovrastarti, se ti considera come oggetto, se ti guarda con “bestialità”, se ti mette le mani addosso e non si ferma più. Accetta le scuse di un Uomo o di chi, almeno, prova ad esserlo. Non perdere la speranza, ci sono Uomini che stanno dalla tua parte e lotteranno per te!

La bellezza dei ragazzi “Ibiscus”

Dieci anni e passa di volontariato nei reparti di oncologia pediatrica, ne ho visti tanti, forse troppi, perché non puoi proprio abituarti al binomio bambino-malattia. Alcuni di loro li avrò sicuramente incontrati, immagini nella memoria, sorrisi nella sofferenza e storie da raccontare.
Lo scorso weekend sono stato protagonista di un sogno, no, non per il ruolo che ho ricoperto nella “Winners Cup” di Milano, allenatore (in seconda) di una squadra che sapeva già benissimo il fatto suo, ma per lo spettacolo che mi sono goduto “da dentro”.
Dodici ragazzi, un unico obiettivo, divertirsi, senza animosità, con spirito di fratellanza vera, nulla “di circostanza”, solo grande genuinità, nei rapporti, nei sorrisi e anche nelle difficoltà. Dodici ragazzi che hanno vinto il male più grande, che fai fatica anche solo a pronunciarlo, e poi altri dodici, altri dodici e altri dodici ancora, a rappresentare i centri di oncologia pediatrica di tutta Italia. La nostra squadra portava trionfate il logo della Lega Ibiscus Onlus, associazione dei genitori di Oncoematologia Pediatrica della Sicilia Orientale.

I sorrisi ma anche le lacrime, senza vergogna, davanti alle storie di chi sta combattendo la stessa battaglia, il tutto in una cornice da sogno, il centro sportivo dell’Inter, squadra di “campioni” a disposizione di questi “campioni della vita“.
L’entusiasmo di un autografo dal vicepresidente dell’Inter Javier Zanetti, le strette di mano con gli avversari, gli abbracci, la mano protesa dopo una caduta sul campo di gioco, tutte cose che ci siamo disabituati a vedere, specie in uno sport sempre più disinteressato ai sentimenti come il calcio.

Il risultato del campo è già scritto, indipendentemente dalla classifica, è vittoria su tutti i fronti, perché quando a trionfare è la vita non ci sono primi e secondi.
Il goal è già stato fatto, con un destro secco all’angolino, ma c’è sempre tempo per pensare agli altri, per un assist al compagno in difficoltà, nessuno è lasciato solo nella sua strada verso il successo.

Mi sento un privilegiato che ha fatto un bagno nel “mare dell’umanità”, un ragazzo di 31 anni che non smetterà mai di rimanere a bocca aperta davanti a cotanta bellezza.

Volevo solo un lavoro

Volevo solo un lavoro, me lo garantisce la Costituzione, busso porta a porta ma non trovo niente.

Volevo solo un lavoro, cinque anni di studio e una laurea, lacrime in volto e valigie in mano.

Volevo solo un lavoro, anni di tirocinio sottopagati e odore di promozione, fino all’arrivo della bionda procace.

Volevo solo un lavoro, in una stanza doppia ho tenuto duro, mi hanno buttato fuori, è arrivato il cugino del capo.

Volevo solo un lavoro, sono bella ma soprattutto brava, ho rifiutato un compromesso, sono a casa con un grosso punto interrogativo sulle spalle.

Volevo solo un lavoro, mando curricula tutti i giorni, ho competenze e versatilità ma le uniche mail di risposta sono solo pubblicità.

Volevo solo un lavoro, mi hanno detto che potevo crearmi una famiglia, sono stato ingannato dal mio Paese.

Volevo solo un lavoro, guardo programmi italiani e mangio cibo italiano, la Germania mi ha offerto una grande opportunità.

Volevo solo un lavoro, dicono sia un mio diritto ma nessuno paga per la sua violazione.