La donna brucia, nel corpo e nell’anima

Brucia la donna, brucia come un oggetto da dare alle fiamme, brucia e continua a bruciare, ogni giorno di più.
Uomini senza scrupoli che un tempo sono stati fidanzati, mariti e amori e che ormai si sono ridotti solo a bestie.

Brucia la donna, l’anima lacerata, vessata da continui soprusi, umiliata da cocenti violenze. Brucia nei telegiornali, nell’indifferenza dello Stato, nell’impotenza delle forze dell’ordine. Brucia la situazione, questa bestialità dilagante a cui non riusciamo a porre rimedio.

La donna è debole, dicono, la donna non riesce a reagire, pensano, la donna non ha la forza necessaria, sostengono.
La donna ama, dico io, la donna è sensibile e quindi, purtroppo o per fortuna, attaccata ai veri valori, alle cose che contano. Ama anche le bestie, non vuole essere drastica, vuole dare a tutti un’altra opportunità.

La donna però non è scema, brucia la sua anima, ad un certo punto talmente forte da dover dire basta. Volta le spalle al suo carnefice, chiede aiuto, spesso non viene ascoltata, la società regala troppe opportunità a certe merde che osano chiamarsi uomini.

Da oggetto vuole tornare ad essere donna, si ribella, esce fuori la sua forza, prova a spegnere il suo fuoco con un idrante di speranza, cerca amore, conforto, riparo, non sempre lo trova.

La donna brucia, nel corpo e nell’anima, al rogo vanno i sentimenti e la speranza riposta in un mondo indifferente.

Annunci

Il potere è nulla senza il controllo

Prendo in prestito la frase di una famosa campagna pubblicitaria e la modifico un po’, d’altronde potenza e potere sono vocaboli che esprimono un concetto molto simile.
La cronaca ci presenta ormai giornalmente storie di uomini di potere che perdono il controllo e la faccia, che non riescono a porsi un limite, che credono di poter comprare tutto col denaro, anche la dignità.

Weinstein, l’orco che ha sconvolto il mondo, le violenze subìte da svariate attrici, i ricatti sessuali, veri e propri stupri in piena regola. Il potere compra anche il silenzio, l’omertà è una conseguenza spiacevole, manca il coraggio, si vede sfumare il proprio sogno perché un certo mondo funziona in un determinato modo.

Il sesso, croce e delizia dell’essere umano, il successo che regala una parvenza di onnipotenza, i soldi come lasciapassare universale, le tre S maledette, se perdi il controllo perdi umanità e dignità in un colpo solo. Il gioco è retto fino ad un certo punto, prima o poi il castello cade e torni in basso, molto in basso, il successo svanisce così come il sesso e i soldi.

Siamo circondati da giochi di potere e non c’è bisogno di andare fino ad Hollywood. Il potere è una cosa bellissima se governata, permette di firmare veri e propri capolavori per l’umanità. A volte è uno stivale che calpesta la qualsiasi, a volte è un grande telo che offusca merito e trasparenza, a volte è una trivella che abbatte case con persone dentro.

Una grande illusione perché alla fine il potere più grande lo conferisce l’umanità, il saper stare in mezzo al mondo nel pieno rispetto delle regole, la comprensione dei sentimenti umani e delle dinamiche legate ad essi.

Il potere di essere UOMINI, chi può dire di averlo al giorno d’oggi?

I veri uomini amano le donne

“Sto uscendo, vado a correre al parco”
“Sto partendo, mi faccio sentire io quando arrivo”
“Prendo i mezzi e ti raggiungo”
“Sto lavorando, ti chiamo appena finisco”.

Quattro frasi, le avremo pronunciate un sacco di volte senza rendercene conto, la normalità, la rotuine.

“Donna stuprata al parco, si cerca l’aggressore”
“Si finge conducente a noleggio e poi la violenta”
“Aggressioni e violenze fisiche e psicologiche aumentano sempre più sui mezzi pubblici”
“Medico di base segregato e violentanto mentre svolgeva il turno di lavoro”.

Vogliono uccidere la libertà, generare paura, a volte addirittura terrore. Bisogna guardarsi avanti, indietro, a destra e a sinistra, però:

  1. Non chiamateli uomini perché non lo sono, i veri uomini amano le donne;
  2. Non chiamateli neanche bestie, conosco delle bestie che mai si sognerebbero di fare certe cose;
  3. Parliamone, non distogliamo mai l’attenzione da un problema sociale e non diamola vinta a questi poveri pazzi.

Mia sorella vuole correre, stare a contatto con la natura, respirare aria di mare, essere libera. Lo fa, perché le donne sono forti, quasi indistruttibili.
La mia ragazza vuole uscire la sera, spostarsi liberamente con i mezzi pubblici, avere la libertà di fare una passeggiata per ammirare le bellezze della sua città.
Io da uomo che ama le donne vorrei tenerle in una campana di vetro, lontane da ogni parvenza di pericolo, ma non serve.

Le donne lo sanno, dice una canzone di Ligabue, le donne l’han sempre saputo.
Sanno che ci sono uomini e uomini, sanno che la loro libertà va affermata costi quel che costi, sanno anche essere sempre più prudenti e coscenziose.

I veri uomini amano le donne e sanno che queste merde saranno sempre presenti.
I veri uomini amano le donne e non accettano che queste merde la facciano franca.
I veri uomini amano le donne e non accettano che altri uomini non applichino le leggi o che altri uomini concepiscano leggi troppo morbide.

C’è in gioco la libertà, di una corsetta, di un viaggio, di un giro in bus, di donna!

 

“Sono una donna e solo per questo merito rispetto”

Una violenza continua. Sono donna, ma ci sono uomini che mi considerano come un oggetto, da plasmare a loro piacimento. Vivo in una grande città, mi muovo da sola, sono indipendente, non ho ancora trovato l’uomo giusto. Ci ho provato ma è andata male, all’inizio sembrava tutto bellissimo, poi ho capito in che guaio mi ero cacciata, ho provato a staccarmi ma lui non ne ha voluto sapere, anzi non ne vuole ancora sapere.

Sveglia alle 7, come ogni mattina, doccia veloce e via verso i mezzi pubblici. Percorro un bel tratto di strada a piedi e li trovo tutti belli svegli, pronti ad un commento colorito sul mio fondoschiena. Non lo fanno neanche con discrezione, sono uomini che devono assecondare la loro fame di possesso, ho un bel fisico, vado in palestra, mi copro il più possibile perché non mi piace ostentare ma non basta. Roba che neanche i cavernicoli…
Sui mezzi pubblici mi sento palpata in continuazione, se mi azzardo a parlare sono guai, tutto è dovuto, tutto è concesso, sono una bambola nelle loro mani. No, non sono remissiva, capita mille volte di rispondere, di chiedere spiegazioni su qui contatti ma i risultati sono vani. C’è chi fa finta di niente, chi risponde di starmi zitta se no finisce male e chi, per tutta risposta, continua a palparmi, sempre più insistentemente.

Per fortuna a lavoro riesco a ritagliarmi i miei spazi, il mio essere donna può esprimersi al meglio, ma dopo otto ore via di nuovo con la trafila dei mezzi pubblici e più c’è calca più sono le mani e i “pacchi” con cui vengo a contatto. Ho pianto, lo farò ancora, a volte mi sono detta che è colpa mia, perché sono così bella o perché mi vesto in modo provocante, poi ho fatto un’analisi lucida e il mio ribrezzo nei confronti di questi soggetti si è alimentato, sono loro ad essere uomini malati, mio padre non è così, mio fratello non è così o almeno spero.

Sì, perché spesso negli insospettabili si nascondono i veri mostri, come Marco, bravo ragazzo, conosciuto in biblioteca, frequentazione, innamoramento ed una storia classica dai bellissimi contorni nata nel giro di un mese. Il primo schiaffo, durante la prima lite, l’ho sottovalutato, uno spintone, qualche giorno dopo, mi ha fatto finire contro il tavolino di vetro, ma nulla, ho pensato fosse nervoso per via del licenziamento . Da episodi sono diventati normalità, violenze su violenze, occhi tumefatti e le giustificazioni più disparate inventate a lavoro. Sì, lo ammetto, pensavo fosse colpa mia, che mi si potesse addebitare qualche carenza nei suoi confronti. Un giorno mi sono guardata allo specchio in ufficio, dove ero stimata e rispettata da tutti. Ero pallida, impaurita, con l’occhio gonfio, mi sono data della cretina, strappata i capelli e ho capito che avevo sbagliato tutto.
Sono tornata la donna forte e determinata di sempre, una volta a casa ho preparato le valigie di quest’uomo e l’ho buttato fuori di casa, ho cancellato il numero e cambiato serratura, ho capito che la responsabilità era tutta sua, un violento frustrato con cui non volevo avere più nulla a che fare.

Ora sto tornando a casa, tra una palpata e l’altra, vedo una scritta sul cancello, insulti che non voglio riferire, riferisco tutto alle forze dell’ordine che mi stanno seguendo in questo percorso contro il mio stalker. Non posso più uscire la sera, Marco non si è rassegnato, poi diciamolo francamente, una donna sola per le strade di una grande città non se la passa poi così tanto bene di notte. Mi limito, ho paura ma sono donna e solo per questo merito rispetto. Mi voglio un gran bene, riuscirò ad avere la meglio sulla violenza fisica e psicologica di questi che chiamano uomini. Mi voglio un gran bene, dunque continuo a credere di meritare un uomo vero, che possa riempirmi di parole ma dolci, che possa toccarmi in un abbraccio d’amore.

Non è una storia vera, anche se è storia inesorabile di tutti i giorni. Voi avete qualche esperienza da raccontare? Quale è il vostro punto di vista sull’argomento? Quali le possibili soluzioni?

“Il mio cane è proprio stupido”, disse il padrone coglione

Non è uno scherzo, state per entrare in un vortice di stupore misto a sdegno, ammesso che non siate come i soggetti narrati in questa storia, se fosse così troverete i vostri compagni dell’assurdo.
Si parla di cani e di abbandono, argomento affrontato già qui, in un articolo di cui vado particolarmente fiero. Una discussione che sento con le mie orecchie, anno corrente, popolazioni dunque più aperte ed evolute, almeno dicono così.Protagonisti G e A, il primo il cattivo (mi limito a questo appellativo ma dal titolo potete capire che penso), la seconda la buona o semplicemente la ragionevole. Ogni tanto entra in gioco M, terzo incomodo grottesco.

G. Non ne posso più del mio cane, non lo sopporto più, è proprio scemo!
A. Perché dici questo della tua povera bestia, che è successo?
G. Nulla di particolare, è proprio stupido da quando lo abbiamo preso. Non capisce niente, lo avevano abbandonato perché era un incrocio riuscito male, mia moglie lo ha trovato per strada e lo ha preso. Mannaggia a lei!
A. I cani devono essere trattati come esseri umani. Ti sembra giusto parlare così di quello che è a tutti gli effetti un membro della tua famiglia?
G. Ma che dici! La mia famiglia è composta da me, mia moglie e dai miei figli, quel coso è proprio scemo! Quando torno a casa trovo tutte cose pisciate, non capisce, è inutile! E dire che lo esco quando posso. Ma cosa vuole di più?
A. Magari un po’ di affetto, vedrai che non ti farà più i dispetti…
G. No no, ha la faccia da scemo. Non fosse stato per mia moglie lo avrei già abbandonato
M. Ma sì, questi cani sono un impegno, lo dico sempre a mia figlia, che ha problemi quando deve partire d’estate. Danno tutti troppa attenzione a questi animali.
A. Ci sono le pensione per cani, apposta per questo, oppure si porta con sè.
M. Non ci credo a queste cose!
G. L’altra volta abbiamo incontrato i precedenti padroni del cane, quelli che lo avevano abbandonato. Lo avevano lasciato in campagna, gli ho detto, “simpaticamente”, non è che lo rivolete indietro?
A. Scusa tu sai chi sono i proprietari che lo hanno abbandonato e non li denunci?
G. Io? Un giorno di questi lascio la porta di casa aperta…non si sa mai gli venga voglia di tornare da dove è venuto. Quando vengono amici tutti gli fanno la festa, io non perdo occasione per scherzare e dire: “Lo volete?”. Magari ora lo esco in balcone.
A. Ma poi non lo puoi lasciare fuori e te ne lavi le mani. Lo devi andare a trovare, fargli compagnia, vogliono solo affetto.
M. Non capisco tutto questo affetto nei confronti dei cani. Se uno abbandona un cane, titoli di giornali, casino, multe e galera, se uno abbandona un bambino nel cassonetto nessuno sa niente. Gli animali sono animali, che fine fanno fare a quelli che li lasciano, la galera? Ma siamo pazzi? Hai ragione G. a lamentarti.

La soglia di sopportazione è superata ormai da un pezzo, abbandono il luogo mordendomi la lingua più e più volte per non intervenire, sono in una fase zen e questo mi aiuta a non entrare in una discussione triste, in una storia triste.
Sorrido solo pensando che a quest’ora, il cane, solo a casa, starà pensando: “Ma guarda un po’ che padrone coglione che ho!“.

La sensibilità non è un reato, la stupidità gratuita dovrebbe diventarlo, con l’aggravante dell’ignoranza. No, non parliamo di scuole qua, ma di vivere civile.